Romagnano Sesia

Via Novara, 349

+39 388 055 7195

Prenotazione telefonica

Domenica - Lunedì

Chiusi

Sono Cristina Vigna e sono la responsabile colorista di Kirma Esperti di Capelli, il salone di parrucchieri che si trova a Romagnano Sesia, in provincia di Novara ed oggi ti racconto di quella volta in cui mi sono trovata a colorare capelli per una sfilata di Valentino Haute Couture. Un’avventura ricca di sfide, adrenalina e alla fine, ma solo alla fine, un pizzico di ironia.

Dietro le Quinte della Moda: La Mia Avventura nei Backstage di Valentino Haute Couture

Premetto che colorare i capelli di una sfilata di moda insieme al mio compagno era stato uno dei miei più grandi desideri, ma iniziare questa attività nell’alta moda, per Valentino e con Guido Palau come key hairstylist, è stato veramente troppo!

Eppure è andata così, la situazione si è svolta in modo rocambolesco: sono stata contattata dall’agenzia, dico “ci penso” e decido che è un “no”, perchè la responsabilità in un tale evento era troppo grande.

Peccato che il mio “no” non è stato accettato, così ho riempito le valigie di tubi di colore, ossigeni, guanti e pennelli, ne ho riempite altre di vero e proprio terrore e con il mio compagno Roberto Marcon come assistente, ci siamo recati nella Capitale.

Puoi trovare un articolo che parla su Notizia Oggi che parla di me.

Tra Sfide e Sorrisi nel mondo della Moda e dei Capelli

Il palcoscenico di questa storia è il maestoso Palazzo Colonna, un luogo intriso di storia e bellezza, che serviva da cornice perfetta per l’evento di moda. I capelli delle modelle dovevano essere spettacolari, con lunghezze estreme create tramite extensions. E quale era il mio compito in questa impresa capillare? Niente di meno che far combaciare il colore naturale dei capelli delle modelle con quello delle extensions. Ma qui inizia la sfida.

Colori, Extension e Determinazione: Quando la Passione Mi Ha Guidato nei Backstage di Alta Moda

Si sa che le extensions non sono proprio come i capelli normali e le classiche leggi della colorimetria sembravano svanire nel sottosuolo di Palazzo Colonna. La mia postazione di lavoro era più simile a una cantina buia che a uno scenario di alta moda. E non parliamo della luce nella stanza del bagno dove dovevo sciacquare i capelli: sembrava un set horror con illuminazione verdognola. Non proprio il miglior ambiente per creare e verificare le colorazioni per capelli.

Inizialmente, lavoravo su due tavoli, ma man mano che arrivavano altri hairstylist per preparare modelli e modelle, il mio spazio si riduceva a un tavolo e, alla fine, come una madonnara, mi ritrovai ad adattarmi al pavimento. Ma sai una cosa? La moda è una strana bestia e l’adrenalina della passione ( e un terribile senso di responsabilità nel ruolo che avevamo in questa impresa) ci ha spinto a superare ogni difficoltà.

La vera sfida, però, non erano le condizioni di lavoro, ma i diversi giudizi che piovevano su di esso. Ogni persona coinvolta sembrava avere un’opinione diversa su come avrei dovuto fare il mio mestiere. I colori non sembravano mai soddisfare tutti, e mi ritrovavo a correggere e ricorreggere più volte lo stesso set. A un certo punto, ho deciso di fare di testa mia, di seguire il mio istinto da colorista esperto di capelli.

Ecco la svolta: i colori non solo combaciavano alla perfezione, ma apparivano così naturali da sembrare dono di madre natura stessa. Dopo due giorni intensi di colorazioni, a extensions finalmente montate, le modelle erano pronte per la passerella.

E qui arriva il momento clou. Durante lo show, mentre lo stavo assistendo da uno schermo all’interno del backstage, il grande capo degli hairstylist, Guido Palau, la leggenda vivente nel mondo della moda, mi si avvicinò e con una chiara sorpresa nel suo sguardo esclamò: “AMAZING WORK!” Un complimento così diretto da Guido era un vero e proprio riconoscimento del mio talento. I presenti, che sapevano quanto fosse raro ricevere un elogio da un artista così esigente, dopo la scena si sono rivolti a noi dicendo che non potevano credere alle loro orecchie.

Da quell’esperienza gratificante ho imparato che potrei lavorare nei grandi backstage della moda, ma la mia vera passione è stare con le mie clienti, creando stili unici e affrontando sfide più quotidiane ma altrettanto stimolanti. La moda è affascinante, ma preferisco l’adrenalina che provo quando vedo un sorriso di soddisfazione sul volto di una cliente dopo una sessione di colorazione. Quel sorriso non ha prezzo.

In conclusione, la mia avventura nei backstage di Valentino Haute Couture è stata una prova di fuoco, una sfida che ho superato grazie alla mia passione per i capelli e alla mia determinazione. Ma alla fine, ho capito che il mio posto è con le mie fedeli clienti, portando bellezza nei loro giorni, un taglio e colore alla volta. La moda è glamour e fascino, ma la soddisfazione di servire le persone reali è ciò che mi fa sentire davvero in cima al mondo della bellezza.

Siamo nel 2014, ed ero pronta a mettermi in gioco al concorso Hair Talent, tenutosi a Roma nell’ambito dell’evento Forum del Parrucchiere Eccellente.

Questa è una storia che combina la passione per i capelli, il colore, e una piccola dose di suspense!
Per partecipare a questo concorso, era necessario inviare una foto inedita di una modella con un’acconciatura e una colorazione realizzate da me.

La foto che ho scelto era stata scattata durante uno shooting, in cui stavo collaborando con il mio compagno per una collezione destinata a un altro concorso.

Era un’immagine fatta con estensioni colorate che ricadevano elegantemente sul viso della modella, quasi a celarne le fattezze.

L'immagine era di una qualità, e ciò mi ha permesso di avanzare fino alla finale di Hair Talent a Roma. Ma andiamo per ordine, perché l'intera avventura è stata un viaggio emozionante!

Prima del grande evento, ho avuto l’opportunità di trascorrere una serata autunnale a Roma con la mia modella. Abbiamo riso, scherzato e condiviso momenti indimenticabili, diventando compagne bionde per una notte, in attesa dell’evento del giorno successivo.

Il grande giorno è arrivato, e con esso una miscela di ansia da prestazione e concentrazione. Avevo portato con me una parrucca preparata appositamente per l’occasione e avevo ben chiaro come doveva essere il look perfetto. Nel 2014, il rosa antico era ancora una novità, e ho deciso di rappresentarlo attraverso l’ispirazione del marmo.

Ho acquistato delle estensioni bionde chiare e le ho decolorate e tonalizzate fino a ottenere un bianco perfetto. Poi, con l’uso di tecniche creative, tra cui nastri isolanti, spugne, rulli e pennelli, ho creato un effetto di toni di rosa mescolati ad ombreggiature, che davvero ricordavano le venature del marmo. La modella è stata vestita con un abito di organza rosa chiarissimo e un corpetto che accentuava la sua bellezza.

Il trucco è stato realizzato in modo da esprimere dolcezza, con un tocco di impolverato e fantasmagorico. La parrucca media aveva una frangia tagliata in uno zigzag irregolare, simile alle crepe di una roccia. Per rendere il look ancora più autentico, ho fatto immergere le mani e gli avambracci della modella in polvere di magnesite, dando enfasi alla mia “fata di marmo rosa.”

Riservatezza, "confusione" e un velo di mistero durante l'Hair Talent a Roma

Il backstage era un luogo riservato solo a noi e ai membri della giuria. Durante la preparazione, sono stata costantemente avvicinata da persone che mi facevano complimenti per il mio lavoro. È stato un momento incredibilmente gratificante, e ho iniziato a capire che avevo buone possibilità di ottenere un buon risultato.

Tuttavia, c’è stato un momento di confusione quando un giurato mi ha fatto una domanda “strana” a cui non ho saputo rispondere. Mi ha chiesto se la modella con i capelli rosa sarebbe uscita due volte in passerella. Sono rimasta perplessa e un po’ in panico, ma poi ho capito che era solo un equivoco.

Casualmente, una modella con i capelli rosa è effettivamente apparsa due volte in passerella, ma non era la mia. E così, il concorso è proseguito, e alla fine, il parrucchiere che aveva pettinato quella modella ha vinto.

Anche se la classificazione della giuria può essere un po’ misteriosa a volte, ho mantenuto un atteggiamento positivo. In fondo, in questo mondo, le aziende e i gruppi di lavoro spesso hanno un’influenza considerevole in questi eventi, utilizzandoli per il loro marketing.

Giornata indimenticabile ed esperienza sul campo

Oggi, mentre ricordo questa esperienza, non posso fare a meno di sorridere. È stata una giornata indimenticabile e una grande opportunità per mostrare la mia passione per la colorazione dei capelli e la creatività nel mondo della moda.

Quindi, amici miei, quando vi trovate di fronte a situazioni misteriose o sfide inaspettate, ricordate di mantenere un atteggiamento positivo e di non prendere tutto troppo sul serio.

Nella mia carriera di colorista hairstylist, ho imparato che ogni esperienza, anche quella più strana, può insegnarci qualcosa e farci crescere. E ricordate, alla fine del giorno, l’importante è sorridere e continuare a fare ciò che amate. La passione e la creatività trionferanno sempre!

Grazie per aver letto la mia storia e per essere parte di questo incredibile viaggio nel mondo della bellezza e del colore dei capelli. A presto con nuovi articoli entusiasmanti!